Warning: preg_match(): Unknown modifier 't' in /web/htdocs/www.latuscreativity.it/home/wp/wp-content/plugins/mobile-website-builder-for-wordpress-by-dudamobile/dudamobile.php on line 603 Produrre Cultura: l’elisir più efficace per combattere la crisi | Latus Creativity | The Digital Remix of the Creative Flow in Lazio

Produrre Cultura: l’elisir più efficace per combattere la crisi

L’industria culturale italiana frutta al Paese il 5,4% della ricchezza prodotta, equivalente a quasi 76 miliardi di euro, e dà lavoro a un milione e quattrocentomila persone, ovvero al 5,6% del totale degli occupati del Paese. E allargando lo sguardo a tutta la ‘filiera della cultura’, ossia a tutti i settori attivati dalla cultura, il valore aggiunto prodotto dalla cultura schizza dal 5,4 al 15% del totale dell’economia nazionale e impiega ben 4 milioni e mezzo di persone, equivalenti al 18,1% degli occupati a livello nazionale.

A livello locale, la città che produce più cultura si conferma Arezzo, dove il valore aggiunto prodotto dalla cultura è il più alto d’Italia: l’8,4% del totale prodotto dalla provincia.
Buone notizie anche per la capitale: Roma si classifica al sesto posto con il 7,6%, mentre a livello regionale, il Lazio è in testa alla classifica per incidenza del valore aggiunto della cultura sul totale dell’economia, seguito da Marche, Veneto e Lombardia.

Secondo questo studio, la cultura dimostra quindi non solo di poter ‘sfamare’ il paese, ma di poter dare occupazione già oggi a quasi un quinto degli occupati italiani. Eccola la risposta a chi sostiene che la cultura non produce PIL, ecco la via italiana per combattere la crisi: è quanto emerge dal “L’Italia che verrà: Rapporto 2012 sull’Industria culturale in Italia” elaborato da Symbola e Unioncamere con la collaborazione e il sostegno dell’Assessorato alla cultura della Regione Marche.

Si tratta del primo rapporto in Italia a quantificare il peso della cultura nell’economia nazionale. Con risultati, spiegano Symbola e Unioncamere, “che smentiscono chi la descrive come un settore non strategico e rivolto al passato, e la inquadrano invece come fattore trainante e di rilancio per molta parte dell’economia italiana.

Scarica qui il documento integrale.

 

Source: RomaProvinciaCreativa

  • Twitter
  • Facebook
  • RSS
  • Google Plus
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Delicious

Comments

comments

Tags: > > >

Comments are closed.