Warning: preg_match(): Unknown modifier 't' in /web/htdocs/www.latuscreativity.it/home/wp/wp-content/plugins/mobile-website-builder-for-wordpress-by-dudamobile/dudamobile.php on line 603 OpenKit #01 ~ Integrare software per ottimizzare l’Architectural Dressing | Latus Creativity | The Digital Remix of the Creative Flow in Lazio

OpenKit #01 ~ Integrare software per ottimizzare l’Architectural Dressing

Una pratica di particolare interesse per il Latus Creativity Lab è quella che definiamo Architectural Dressing, l’azione performativa che attraverso le tecniche del video-projection mapping e del transmedia storytelling progetta una nuova veste fatta di luci, suoni e colori per il tessuto urbano delle città. Un’attività artistica, un concept performativo e d’artigianato digitale che prende ispirazione dalle affascinanti e suggestive scenografie teatrali della Open Lab Company, dai concetti innovativi di Toyo Ito e dalle architetture liquide di Marcos Novak.

Software come Modul8, Resolume Arena o Mad Mapper sono strumenti utilissimi per gestire tecnicamente l’output finale della perfomance. Poterli integrare con piattaforme di sviluppo software come Max MSP & Jitter, Isadora, Quartz Composer, Processing, openFrameworks ed altre simili offre ampie possibilità creative per le installazioni multimediali che si progettano.

Di seguito il primo OpenKit del Latus Creativity Lab, un tutorial per l’integrazione di Max Jitter in Modul8. Lo stesso procedimento può essere adottato per altri software come Mad Mapper, Quartz Composer, Resolume e Resolume Arena, VST e simili.

Da Jitter a Modul8 in 5 mosse
Facilità: media

Un ponte virtuale consente di utilizzare la Max Window come media input per Modul8 ed altri software. E’ Syphon, un kit di sviluppo software che, come l’OSC per il suono, offre un “protocollo” di comunicazione software per il video tra diverse piattaforme. Come fare:

  • Dalla homepage Syphon scaricare le apps Client & Server nella sezione SDK Developer o direttamente da qui: download. Aprire le apps per un test. Nota: Syphon funziona solo per sistemi Mac OSX 10.6 (Leopard) o superiori.
  • Se non lo si possiede già installare Max 6.0 o versioni precedenti, download sul sito Cycling74. Il set di oggetti Max da installare nella cartella ApplicationMax/Cycling74/Jitter-externals è scaricabile qui – Download: Syphon for Jitter Public Beta 2 r2.dmg.
  • Installare Quartz Composer (se non lo si ha già) contenuto nei dischi d’installazione del proprio Mac OSX. Copiare il plugin QCrehab di Kineme nell’apposita cartella TuoDisco~/Library/Graphics/Quartz Composer Patches/. L’altro file da installare è il plugin Syphon per QC disponibile qui: Syphon For Quartz Composer Public Beta.dmg. Questo file va copiato nella cartella TuoDisco~/Library/Graphics/Quartz Composer Plug-Ins/. Inoltre nella cartella examples copiare il file “Syphon Client QC.qtz” in una posizione facilmente ritrovabile (ad es. sul desktop).
  • Aprire il file che abbiamo copiato in Max “jit.gl.syphonserver.maxhelp” e avviare il render con l’esempio disponibile (video noise) clicckando sul toggle.
  • Ora basta aprire Modul8 (o Resolume o altri software simili per il VJing) e trascinare l’applicazione “Syphon Client QC.qtz” che abbiamo copiato sul desktop in una delle finestre di media source nell’interfaccia Modul8 (idem per gli altri software).

Le prestazioni del processore e della memoria richieste sono abbastanza elevate poichè il vostro computer sarà in grado di gestire diverse piattaforme contemporaneamente. Si nota una leggerissima perdita nel framerate dell’output Client comunque assolutamente impercettibile. Non si riscontra alcun ritardo d’immagine.

di Pasquale Direse

 

 

  • Twitter
  • Facebook
  • RSS
  • Google Plus
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Delicious

Comments

comments

Tags: > > > > >

Comments are closed.