Warning: preg_match(): Unknown modifier 't' in /web/htdocs/www.latuscreativity.it/home/wp/wp-content/plugins/mobile-website-builder-for-wordpress-by-dudamobile/dudamobile.php on line 603 Tendance 2012: il Festival di danza contemporanea a Fondi e Maenza | Latus Creativity | The Digital Remix of the Creative Flow in Lazio

Tendance 2012: il Festival di danza contemporanea a Fondi e Maenza

369gradi centro diffusione cultura contemporanea presenta Tendance 2012, il Festival sostenuto dal MiBAC – Ministero per i Beni e le Attività Culturali con il contributo del Comune di Fondi – Assessorato alla Cultura e Politiche della Scuola, del Comune di Maenza – Assessorato alla Cultura e Turismo, con il sostegno della Pro Loco di Maenza e con il Creia.

 L’intuizione e il desiderio di creare un festival dedicato unicamente alla danza in tutte le sue accezioni è di Ricky Bonavita e Theodor Rawyler e la scelta del nome - Tendance - gioca proprio sull’idea di tracciare un panorama ricco e variegato delle diverse tendenze del mondo coreutico contemporaneo, fatto di tradizione e di nuovi linguaggi espressivi.

Il Comune di Fondi si dimostra sensibile da subito all’idea di ospitare un festival di danza e inaugura una edizione “zero” a dicembre 2011. In sei mesi si realizza il resto e a luglio 2012 Tendance si traduce in 4 giorni per 5 spettacoli, 7 performance di cui tre prime nazionali a Fondi e si estende sino a Maenza, dove Comune e Pro Loco mettono a disposizione spazi per una residenza creativa ed una performance nella pittoresca piazza antistante il Castello.

Il programma artistico è incentrato sulla creazione coreografica contemporanea italiana e la selezione dei direttori artistici, che convogliano a Fondi compagnie da tutta Italia, risulta un concentrato di qualità, valore artistico e varietà. Si spazia fra lavori in cui possiamo scorgere le radici del linguaggio accademico o le influenze delle tecniche canoniche della danza moderna e contemporanea del novecento e creazioni di ricerca rivolte a una definizione più innovativa del corpo e del movimento performativo. Troviamo fra gli spettacoli la nuova produzione in debutto nazionale della coreografa e danzatrice Marica Zannettino, originaria di Fondi, prodotto dalla Compagnia Excursus, che a sua volta porterà il proprio spettacolo, anche esso in prima nazionale all’Anfiteatro di Fondi con ingresso gratuito per il pubblico. Anche lo spettacolo che andrà in scena a Maenza, della coreografa Benedetta Capanna sulla Piazza del Castello, sarà un debutto nazionale ad ingresso libero per il pubblico, mentre per il resto della manifestazione è previsto un biglietto unico a serata di soli 8 euro, per permettere la più ampia affluenza di pubblico e per offrire 3 o 4 diverse declinazioni della danza ogni sera. Assisteremo nei giorni a Carmen Duo della coreografa siciliana Giovanna Velardi, Studio per The Silent Cage della storica compagnia Aton Dino Verga Danza, alla performance della nota coreografa e danzatrice Cristina Rizzo e a quella del promettente Daniele Albanese, allo spettacolo del consolidato ed eclettico Gruppo e-motion e a quello della nota Spellbound Contemporary Ballet di Mauro Astolfi solo per citarne alcuni.

IL PROGRAMMA

MAENZA

4 -10 LUGLIO
Residenza creativa nel Castello Baronale di Benedetta Capanna

11 LUGLIO
H 21,30 Palco estivo di Piazza della Portella
Apertura al pubblico della residenza con la performance Kizuna di Benedetta Capanna – PRIMA NAZIONALE

FONDI

20 LUGLIO
H 20,30 Chiostro dell’Ex Chiesa di San Domenico
performance Geometria Solida di Akerusia – coreografia di Elena D’Aguanno
performance Wild Eyed di Valerio De Vita
performance ME di Marica Zannettino – PRIMA NAZIONALE
H 21,30 Ex Chiesa di San Domenico, Auditorium Comunale
spettacolo Lost for Words di Spellbound Contemporary Ballett – coreografie Mauro Astolfi

21 LUGLIO
H 20,30 Chiostro dell’Ex Chiesa di San Domenico
performance Kizuna di Benedetta Capanna
performance In a landscape di Daniele Albanese
H 21,30 Ex Chiesa di San Domenico, Auditorium Comunale
spettacolo Carmen Duo di IBI DANZA – Coreografia Giovanna Velardi
spettacolo Studio per The Silent Cage di Compagnia Aton Dino Verga Danza – Coreografia Dino Verga

22 LUGLIO
H 20,30 Chiostro dell’Ex Chiesa di San Domenico
performance Al muro di Fabio Crestale
performance Invisibile piece di Cristina Rizzo
H 21,30 Ex Chiesa di San Domenico, Auditorium Comunale
spettacolo Trans-u-mare di Gruppe E-Motion – Coreografia Francesca La Cava

23 Luglio
H 21,30 Anfiteatro, Piazza De Gasperi
spettacolo Merlino di Compagnia Excursus -Coreografia Ricky Bonavita PRIMA NAZIONALE

I LUOGHI DEL FESTIVAL
Alla sua seconda edizione Tendance mantiene il suo forte rapporto con il territorio, continuando a proporre spettacoli e performance in luoghi non prettamente teatrali ma ricchi di valore storico e artistico, legati alla storia delle città. Luoghi suggestivi, poetici, di una bellezza sorprendente che si lasceranno scoprire dal pubblico che li vedrà con occhi nuovi, immersi nella danza e nella musica, come meravigliose cornici in cui la poesia dei corpi in dinamica, è messa in relazione con il ricco patrimonio architettonico culturale del passato.

Fondi
Le location scelte sono l’Ex Chiesa di San Domenico, oggi Auditorium Comunale ed il suo Chiostro e l’anfiteatro in piazza De Gasperi.
Il convento di San Domenico con l’annessa chiesa fu donato, secondo la tradizione, al Patriarca S. Domenico dai Benedettini. Nel convento si conservano ancora tre stanze abitate da S. Tommaso d’Aquino. Nel giardino del convento esisteva fino al 1835 un albero di aranci con le radici in su, che la tradizione vuole piantato da S. Tommaso e che offriva molti frutti. Poi si disseccò e il tronco fu dalla pietà dei fedeli conservato sotto l’altare, dove era il corpo del santo.

Maenza
Per la sua posizione situata a 365 metri sul livello del mare, dalla splendida Loggia dei mercanti, così come dal terrazzo del castello, si può ammirare uno spettacolare panorama.
Il luogo scelto dal festival è piazza della Portella, la piazza antistante il castello.
Nel castello baronale del XIII secolo soggiornò S. Tommaso d’Aquino nell’ultimo periodo della sua vita, per poi spostarsi fino alla sua morte nella vicina abbazia di Fossanova.
Piazza della Portella, proprio sotto al castello è invece famosa perché qui fu fatto decapitare il barone di Maenza nel 1123 da Papa Calisto II che lo incolpava dell’assassinio di un suo incaricato mandato a riscuote tributi.

INFO
Biglietto unico giornaliero 8 euro
Non sono previsti biglietti per i singoli eventi.
Ingresso gratuito l’11 luglio a Maenza e il 23 luglio nell’Anfiteatro di Piazza De Gasperi
Per info e prenotazioni benedetta.bo@gmail.com

 

Source: Ufficio Stampa 369gradi - Benedetta Boggio

  • Twitter
  • Facebook
  • RSS
  • Google Plus
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Delicious

Comments

comments

Tags: > > > > > >

Comments are closed.