Architectural Dressing

 

 

 

Architectural Dressing – Scenografie Urbane Immateriali è un format di new media art ed un progetto di ricerca performativa di Pasquale Direse.

Vestire l’architettura significa progettarle un vestito mediale, immateriale e concreto, che trasforma lo spazio urbano in luogo narrativo che si racconta generando partecipazione emozionale, attenzione pubblica, memoria.

Architectural Dressing è un flusso performativo ed un concept di new media art che pratica la crossmedialità tra la più arcaica tecnologia della rete, il teatro, e le emergenti tecnologie elettroniche e digitali. Raccoglie le diverse sfumature transdisciplinari dello spettacolo, nella combinatoria offerta dai media emergenti, offrendo una nuova visione, un nuovo sguardo, un nuovo modo di sentire il tessuto urbano.

Poiesis artistica, artigianato digitale, teatro e nuovi media si incontrano per dar vita ad uno spettacolo d’arte pubblica studiato e progettato specificamente per gli spazi pubblici e le architetture urbane che mette in luce.

Architectural Dressing guarda al territorio come al luogo relazionale in cui si pratica la valorizzazione, la promozione, l’inclusione e la partecipazione sociale dello spazio pubblico.

Percorsi di luce, paesaggi sonori, ambienti sinestetici ed interattivi ascrivono un segno drammaturgico che esplora la traccia urbana arricchendola di nuovi linguaggi e significazioni.

La spettacolarità e lo shock percettivo offerto dalle tecniche di videoprojection mapping, dell’interaction design, la scenografia virtuale, diventano il connettivo totemico attraverso il quale si formano nuove comunità che collaborano creativamente. Nuove tribù creative reinventano l’architettura progettando scenografie urbane immateriali.

Si afferma un modo di produzione culturale site-specific, che ascolta e fa proprio il flusso delle arti contemporanee, interconnesse in veri e propri simposi multidisciplinari, e lo direziona verso un territorio, verso una traccia che chiede di affermare la propria presenza e di ristabilire relazioni e memorie, legami che rischiano di perdersi nella corsa verso la velocità e la globalizzazione dell’era digitale dell’informazione.

Architectural Dressing apre un ampio orizzonte di sviluppo che anima e reinventa l’offerta culturale del Territorio. Genera valore attraverso un concept che lo valorizza la Città, la mette in luce nel panorama internazionale delle nuove forme di urban art, ne riscopre la poesia.

√isualpaco

1 Comment Submit a comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


× three = 12

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>